Ludovico: Nostro padre non Ŕ un uomo, quello Ŕ un umanoide primitivo, sempre dietro alle sottane delle donne. Siamo diventati il divertimento dei vicini, la barzelletta del quartiere...

Cornelia: E cossa posso fare mi?

Ludovico: Lascialo!

Rosa: Taca a maltrattarlo; te lo trati come s'el fusse un putelo da late.

 

 

 

Amalia: Sel fusse me mario ela faria poco el galeto, ghe lo digo mi...

Pompeo: Ma sicome ti non ti si me mujer...

Amalia: El ga anca el corajo de far el prepotente co so mujer...

Pompeo: Le done, Malia, perchŔ le deventa bone e tenere bisogna sbatarle come el bacalÓ e pi¨ te le sbati e pi¨ tenere le deventa...

 

 

 

Cornelia: Vien caro, vien...

Pompeo: Cornelia, gheto ciamÓ don Zenobio?

Cornelia: si, caro si. El ga dito che vegnarÓ a trovarte.

Pompeo: Speremo ch'el fassa intempo a vederme ancora vivo...

Amalia: Vago torghe un goto de acqua

Pompeo: Me par che i me polmoni sia deventÓ do foli; quando respiro al posto dei polmoni me par de avere do tamisi.

 

 

 

Pompeo: Eco, mi gavaria intension de lassarghe 'na bona paca de schei a lu, don Zenobio, par le opere de caritÓ, per la parrocchia. Cossa diselo? Ca me salvo fasendo cussý?

Don Zenobio: Et benedica Dio Orripotente, Pater Filis et Spirito Santo, amen. La bilancia Divina Ŕ infallibile: uno roba šento e restituise šento, si salva...

Pompeo: E se uno roba šento e restituisse mille, valo in Paradiso?

Don Zenobio: Et benedica Dio Orripotente, Pater Filis et Spirito Santo, amen. La cesa ga tanto bisogno: gavemo l'altare maggiore in tochi, el coverto che casca, el campanile incrinÓ...

 

 

 

Amalia: Dalla scomparsa del suo padre e genitore, la moglie legittima mi ga imposto di parlare in lengua taliana.

Ludovico: Quando sei con noi parla pure il dialetto che ti comprendiamo meglio.

Amalia: Manco male sacranon! Me pareva de aver la lengua invirgolÓ forsa de parlar el taliano. Ecco che la ze drio vegnere qua.

Cornelia: Amalia, Ŕ vegnesto il nobile Pignatari e la sua consorta e moglie per giocare la cagnasta?

Amalia: No, signora parona, ga telefonato la signora Pignata...

 

 

 

Ludovico: Siamo ricchi sfondati! Questa volta hai aperto la porta signora fortuna.... Bisogna fare un poca di caritÓ...

Pompeo: Giusto, bisogna pensare anca ai altri. Mi far˛ tanta caritÓ, quanta che no ricevudo ne la me vita...

Ludovico: E cioŔ?

Pompeo: Gente!!! Ve lo go sempre dito, mi ne la me mente go programÓ tuto ve ripeto perchŔ ricordete, Ludovico, coi schei se compra tuto: potere , amissi, politici, done, sentimenti, preti, frati, moneghe, tuto!